Stories
Slider

Ciao ragazzi! Oggi vi parlo del Rogue Core MIPS, e delle ginocchiere Skinny D30 che ho provato in questi mesi e con cui mi sono trovato molto bene, due prodotti firmati Bluegrass, il marchio dell’azienda italiana Met.

Rogue Core MIPS
A prima vista il Rogue ha linee moderne ed avvolgenti, ci si accorge subito che Met/Bluegrass mette particolare attenzione alla protezione di nuca e tempie e grazie all’uso del sistema Mips ed alla visiera flessibile si ha in testa un casco che vuole essere bello, ma sopratutto ultra sicuro. La calotta esterna del Rogue è in policarbonato, mentre quella interna in EPS ed è certificato CE | AS/NZS. Se non l’avete ancora fatto, vi consiglio questo articolo molto interessante in cui parliamo di tutti i test che vengono effettuati in azienda ARTICOLO.

Una delle cose che odio di più in assoluto di un casco è la visiera che si muove e fa rumore in discesa. Sul Rogue, essa si è comportata bene e l’ho trovata super stabile anche sullo scassato pesante. Si può anche alzare per lasciare spazio alla mascherina, posteriormente l’elastico si posiziona in una sede dedicata. Sulla visiera si trovano due prese d’aria che fanno anche da porta occhiali.

I miei Oakley si sono posizionati correttamente ed ho voluto provare a lasciarli in quella posizione in discesa, ma anche in questa fase di tortura la visiera non si è mossa di un millimetro e gli occhiali sono rimasti nella loro posizione.

Dopo un paio di volte, il movimento di inserimento degli occhiali diventa automatico e non è necessario togliere il casco per posizionarli correttamente.



Da subito si notano le 16 prese d’aria che garantiscono un ricircolo costante sia in salita, che in discesa. Ho subito notato che il sistema MIPS non intralcia per nulla il ricircolo di aria perché è posizionato per lasciare tutte le aperture del Rogue libere.
Come avrete visto nelle storie su Instagram sono una persona che suda davvero molto, ma posso dirvi che il Rogue è un casco molto fresco e ben arieggiato. Avevo paura che il MIPS a diretto contatto con la mia testa mi avrebbe portato a sudare ancora di più, mentre invece le prese d’aria garantiscono un’ottima ventilazione e mi hanno rinfrescato anche nelle giornate afose. L’imbottutura è sottile ma comoda e lavabile a mano, l’ho già fatto un pò di volte ed è un’operazione veloce e comoda da svolgere. L’imbottitura si asciuga velocemente.

La comodità e davvero pazzesca, come tutti i caschi Bluegrass e Met, grazie alla chiusura a 360°, non stringe in alcun punto e si regola facilmente mentre si pedala grazie alla rotellina che trovo sempre molto precisa. L’allacciatura è regolabile anche verticalmente ed il FidLock è davvero molto veloce.
Un casco sicuro e comodo, il portaocchiali è la chicca che ho apprezzato moltissimo, da sempre cercavo un casco che riuscisse a soddisfare tutte le mie esigenze di mascherina/occhiali e devo dire che il Rogue è al 100% il casco che risceglierei.
Il Rogue è disponibile nelle taglie S (52/56) – M (56/58) (in test) – L (58/61), e c’è anche la versione senza MIPS. Prezzo con MIPS-C2 150€ e 100€ senza.
ROGUE CORE MIPS: www.met-helmets.com/rogue-core-mips
ROGUE SENZA MIPS: www.met-helmets.com/rogue

Ginocchiere Skinny D30
Le parole d’ordine quando vado a scegliere delle ginocchiere sono TRASPIRABILITÀ e MORBIDEZZA. Le Bluegrass Skinny D30 si sono comportate subito bene e risultano una protezione “seconda pelle”, quelle ginocchiere che puoi tenere addosso dalla mattina alla sera senza nemmeno accorgetene. Sono realizzate con un materiale traspirante elasticizzato nella parte posteriore, mentre davanti si ha un materiale rinforzato in Kevlar molto robusto, che ha resistito quando sono caduto sulla Sindaco Line. Al suo interno ci sono gli inserti in D30, un materiale morbido che avvolge e segue i movimenti del nostro ginocchio e si indurisce all’impatto. Il certificato EN 1621-1 Level ci garantisce un’alta protezione. Queste Skinny D30 sono un modello a calza, quindi non troviamo velcro o cerniere, ma due bande in silicone (coscia e polpaccio) che funzionano bene e che ne garantiscono anche un peso ridotto.

Le bande in silicone funzionano molto bene, sia durante la pedalata che in discesa, consiglio di girarle indietro quando si indossano perché faticano a scorrere. Dopo qualche uscita diventano davvero un tutt’uno col ginocchio a tal punto di dimenticarmi di averle. Il tessuto posteriore è altamente traspirante; sono solito rompere con i pin la parte posteriore delle ginocchiere, fino ad ora non è ancora successo su queste Skinny.

Quando sono scivolato in Sindaco Line, le Skinny D30 sono rimaste in posizione ed il tessuto non ha avuto alcun tipo di abrasione.
Se cercate delle ginocchiere comode e che non scendono in pedalato e discesa, vi consiglio senza alcun dubbio queste Bluegrass Skinny D30. Sindaco approved!
Io indosso una XL, le taglie disponibili partono dalla S, per un prezzo di 100€.

ACQUISTALE QUI: www.met-helmets.com/skinny-d3o

Take a Lap: nel quinto episodio Orbea ci porta a conoscere l' Orbea Fox Enduro Team, oggi è il turno di Evan Wall

Take a Lap: il nuovo Format di Orbea per conoscere da vicino gli atleti dell' Orbea Fox Enduro Team, oggi tocca a Gabi Torralba

Take a Lap: un nuovo Format di Orbea per conoscere da vicino gli atleti dell' Orbea Fox Enduro Team con video spettacolari